Lo dice la scienza: dormire abbracciati fa bene

Dormire abbracciati porta dei benefici a entrambi i partner e le posizioni che si assumono durante il sonno sono indice del livello di complicità di coppia

La Giornata Mondiale degli Abbracci (il World Hugging Day) – istituita per la prima volta da un pastore del Michigan – si festeggia ogni anno il 21 gennaio e ha lo scopo di contrastare il sentimento di nostalgia che spesso invade le persone dopo le festività natalizie e le ferie.

Da 36 anni a questa parte viene, quindi, celebrato l’abbraccio: uno dei gesti d’affetto più importanti, caldi e belli che non solo ci dà la possibilità di trasmettere affetto, amore e supporto ma grazie al quale possiamo anche ricevere tanti benefici sia dal punto di vista fisico che da quello psicologico.

Mai come in questo periodo, in cui dopo quasi due anni di pandemia l’emergenza sanitaria in atto continua a costringerci a mantenere le distanze, è importante ricordare gli effetti benefici del contatto fisico con un’altra persona.

Dormire abbracciati fa bene:
ecco tutti i vantaggi

Dormire abbracciati porta dei benefici a entrambi i partner e le posizioni che si assumono durante il sonno sono indice del livello di complicità di coppia. Le coppie che dormono insieme e che scelgono il contatto fisico presentano una storia d’amore più appagante rispetto alle altre.

Husband And Wife Hugging Sleeping Together Lying In Bed At Home, Above View Shot. Married Couple Resting In Cozy Bedroom, Embracing And Napping. Happy Marriage Concept

Secondo uno studio della University of Hertfordshire la presenza e il contatto fisico con qualcuno durante la notte fa sì che si innalzi il livello di ossitocina nel corpo.

Non tutte le coppie, seppur felici della propria relazione, riescono a dormire abbracciate per tutta la notte. Ma basta poco: l’importante è farlo prima di addormentarsi, per trasmettere sicurezza e affetto all’altra persona.

Le posizioni per dormire abbracciati

World Hugging Day:
4 benefici dell’abbraccio

Mai come in questo periodo, in cui dopo quasi due anni di pandemia l’emergenza sanitaria in atto continua a costringerci a mantenere le distanze, è importante ricordare gli effetti benefici del contatto fisico con un’altra persona. Proprio per questo, Top Doctors® (www.topdoctors.it), azienda specializzata in servizi tecnologici per la sanità privata, ha stilato una lista dei motivi per i quali anche solo un abbraccio faccia bene sia al cuore che alla mente.

Migliora l’umore e attenua l’ansia
L’abbraccio è considerato una vera e propria cura contro la depressione. Infatti, abbracciare e lasciarsi abbracciare sono due azioni che liberano dopamina all’interno del nostro organismo, favorendo la produzione e il rilascio di endorfine. Diversi studi confermano che l’abbraccio è anche un vero e proprio supporto psico-sociale che ci difende da tensione, ansia e stress.

Protegge il nostro sistema immunitario e allevia il mal di testa
Udite udite! L’abbraccio è anche un ottimo toccasana per il nostro sistema immunitario: ci permette di difenderci dal freddo e dalle malattie, aumentando le nostre difese. Infatti, grazie all’azione di quelli che vengono scientificamente definiti neuroni a specchio, l’abbraccio genera un innalzamento della temperatura corporea che permetterebbe di ottenere benessere da chi ci abbraccia.

Fa bene al cervello
Da moltissime ricerche scientifiche è emerso che l’abbraccio aumenta le potenzialità del cervello, migliorando la concentrazione e la capacità di apprendimento. Questo succede perché, il contatto fisico garantisce una sintonizzazione grazie agli emisferi cerebrali che danno vita ad una vera e propria sinconizzazione, aumentando le potenzialità del cervello.

Husband And Wife Hugging Sleeping Together Lying In Bed At Home, Above View Shot. Married Couple Resting In Cozy Bedroom, Embracing And Napping. Happy Marriage Concept

Aumenta l’autostima
L’abbraccio è considerato da sempre gesto di rifugio, amore e protezione. Sin da bambini, infatti, abbracciarsi allontana le paure e dà molto supporto e conforto. Inoltre, abbracciare stimola la produzione di ossitocina e serotonina, vale a dire “l’ormone del buon umore”: aumentando il benessere corporeo ed emotivo. L’ossitocina e le endorfine agiscono efficacemente sul livello di autostima, rinforzandolo e aumentando la sicurezza in noi stessi.

Da molte ricerche scientifiche è emerso che l’abbraccio, come detto, è il miglior toccasana per la nostra salute mentale e fisica ed è considerato un efficace antidepressivo. A spiegare i benefici di questo importante gesto è la Prof.ssa Anna Ciampolillo, Endocrinologa di Top Doctors®: “I principali ormoni che intervengono nel contatto fisico sono la ossitocina e le endorfine. L’ossitocina prodotta dalla ipofisi si attiva attraverso il contatto fisico, abbassa i livelli di cortisolo, considerato l’ormone dello stress, riduce la pressione sanguigna e crea una sensazione di benessere. Le endorfine, invece, sono dei neurotrasmettitori che aumentano in varie condizioni, anche dopo contatto fisico, e agiscono come euforizzanti abbassando la soglia del dolore e determinando una piacevole sensazione psicofisica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *