Bagno anti-stress: ricette per bagnoschiuma e saponi fai da te

Come realizzare saponi e saponette in casa per un rituale ecologico e 100% naturale, che favorisce l'addormentamento prima di andare a letto

Parola d’ordine: autoproduzione. Che non è solamente un modo per risparmiare soldi, ma anche e soprattutto una scelta che porta benefici alla persona e all’ambiente. Produrre da soli prodotti per il corpo, detergenti, saponi, bagnoschiuma aiuta intanto a controllare davvero che cosa spalmiamo sulla nostra pelle e in secondo luogo a evitare che nei nostri scarichi finiscano sostanze inquinanti e nocive.

Basta utilizzare un po’ di fantasia e ingegno per creare un sapone o un bagno schiuma per il corpo economico, profumato e specialmente poco aggressivo per la pelle.

Quali ingredienti scegliere?

Ci sono tantissimi ingredienti, in base ai gusti personali, per creare bagno schiuma o un sapone fatto in casa. Si posso usare molti oli vegetali come l’olio di cocco, l’olio di oliva, olio di mandorle dolci, l’olio di jojoba, che svolgono un’azione idratante e nutriente sulla pelle. Si usa spesso il sapone di Marsiglia liquido e non profumato per preparare prodotti delicati per il corpo, il viso e i capelli. Gli oli essenziali servono poi per profumare il tutto. Possiamo scegliere quelli che più ci piacciono. La lavanda e la camomilla, per esempio, hanno un effetto rilassante, quelli di limone e arancio dolce sono energizzanti, quello di eucalipto e quello di menta piperita sono rinfrescanti.

Per colorare i saponi si possono “rubare”
dalla cucina alcune spezie, ad esempio
lo zafferano e il curry per dare il colore giallo, la cannella il colore beige, il cacao il colore marrone, la paprika per il colore rosa.

La conservazione

La conservazione dei bagnoschiuma varia in base agli ingredienti utilizzati per produrli. Si va da qualche settimana a sei mesi, conservandoli in contenitori con chiusura ermetica, oppure si possono riciclare anche flaconi di bagnoschiuma terminati, avendoli precedentemente puliti e asciugati. Per quanto riguarda i saponi solidi, è importante lasciare riposare la saponetta alcune settimane (la cosiddetta “stagionatura”) prima di poterle utilizzare. Trascorso quel tempo la loro conservazione può arrivare a molti mesi, in base anche al tempo di conservazione dei singoli ingredienti utilizzati per produrli.

Dove è meglio custodirli perché non perdano le proprietà benefiche? È  bene preferire la plastica, trasparente o colorata, soprattutto perché non perdano nel tempo, evaporando, la profumazione data dagli oli essenziali e le loro proprietà. Ma si possono scegliere anche scatole in legno o di cartone. Infine, un segreto. È possibile che il sapone o il bagnoschiuma alla fine della preparazione venga troppo denso. Come rimediare? Si può aggiungere del sapone di Marsiglia liquido o dell’acqua distillata.

Ricetta per bagnoschiuma liquido

Ingredienti: 9 parti di acqua e 1 di sapone solido. Esempio: 10 g di saponetta = 90 ml di acqua.

Preparazione: ridurre la saponetta a scaglie il più possibile piccole (con una grattugia o un coltello). Mettere l’acqua in una pentola, sul fuoco e versare il sapone polverizzato e continuare a girare fino a quando è sciolto. Far raffreddare il tutto in un contenitore di vetro, frullare qualche secondo con un frullatore a immersione e poi trasferire nel dispenser con l’aiuto di un imbuto.

Sapone all’olio di oliva

Ingredienti:

1 kg di olio di oliva
130 g di soda caustica
380 g di acqua distillata
10 ml di olio essenziale a scelta
50 g di caffè macinato, o fiori secchi

Utensili e attrezzature:

2 piccole pentole in acciaio inox
2 termometri
1 bilancia di precisione
1 frusta a mano (o un frullino elettrico)
2 o più stampi: non usare alluminio, stagno, legno,rame, ferro, ghisa,pentole antiaderenti e polistirolo
maschera da saldatore per proteggere bocca e occhi
guanti per le mani 

PROCEDIMENTO

Versare in una pentola l’olio e scaldare a circa 40 °C. Nell’altra pentola, tenuta in un bagnomaria freddo, si versano l’acqua distillata e la soda caustica: per precauzione, meglio proteggere bocca, occhi e mani con mascherina, occhialini e guanti e non usare mai contenitori o strumenti in alluminio, stagno, rame, ferro, ghisa, pentole antiaderenti e polistirolo. Unire lentamente la soluzione sodica, mescolando inizialmente lentamente, poi più intensamente. Aggiungere gli altri ingredienti, uno per volta, mescolando e lasciare stagionare per almeno otto settimane prima di tagliare e utilizzare.

Bagnoschiuma profumato
con miele e olio di mandorle

Prendere un flacone di bagnoschiuma e riempire per metà di sapone liquido. L’altra metà dovrà essere riempita con un mix in parti uguali di olio e di miele. Es: in un flacone da 250 ml andranno: 125 ml di sapone liquido, circa 60 ml di miele e altri 60 di olio di mandorle dolci. A questo aggiungere 15 gocce di olio essenziale di arancio dolce e altre 10 di olio essenziale di lavanda.

Procedimento: in un pentolino, riscaldare leggermente l’olio di mandorle dolci e aggiungere il miele e gli oli essenziali. Amalgamare bene il composto e, quando sarà abbastanza omogeneo, unire piano piano il sapone di Marsiglia liquido lentamente, per evitare di creare schiuma. Trasferire il composto nel vostro flacone e agitate prima dell’uso.

Saponetta alla glicerina

Acquistate della glicerina a pezzi nei negozi di bricolage. Riduceteli a piccole scaglie per poterlo sciogliere più facilmente. A questo punto mettete la glicerina a pezzetti in un pentolino e fatela sciogliere a bagnomaria. Procuratevi nel frattempo gli stampini e rivestiteli con uno strato di alcool, che vi permetterà di evitare la formazione di bolle quando verserete il sapone, così avrete delle saponette lisce e compatte. Quando la glicerina si sarà sciolta potete scegliere di profumarla aggiungendo alcune gocce di olio essenziale (20 gocce per 100 grammi di saponetta realizzata).

Per colorare le saponette dovrete aggiungere dei colori per sapone, ossia atossici: potete usare anche i colori alimentari o le spezie, che donano alle vostre saponette un tocco di colore, come il caso del curry, la cannella o lo zafferano. Mescolate con cura in modo da avere un composto ben omogeneo. Versate quindi il composto negli stampini.


Quando avete finito di versare il sapone negli stampini, spruzzate su di essi ancora un po’ di alcool e fate raffreddare le saponette. Toglietele dagli stampini e le vostre saponette saranno pronte per essere usate.

Quale profumazione scegliere?

Olio di cocco – L’olio di cocco oltre a essere profumato aiuta a ammorbidire i capelli, soprattutto se sono secchi, ed è un valido trattamento in caso di eczema, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie.

Miele grezzo – Il miele è un preziosissimo alimento, un antibiotico naturale e un’ottima base per maschera di bellezza. Spesso viene adoperato per accelerare il processo di guarigione di tagli e ustioni ed è un prezioso antibatterico.

Sapone di Marsiglia liquido – Utile per l’igiene personale, ma anche per la detergenza della casa, il sapone di Marsiglia ha veramente tantissimi usi. In questo caso viene aggiunto per detergere e per aggiungere giusto un pochino di schiuma al nostro preparato.

Oli essenziali – Ce ne sono veramente tantissimi, per tutti i gusti e con le proprietà più varie: da quelli che mettono il buonumore, a quelli che combattono lo stress per non parlare delle fragranze agrumate e di quelle balsamiche. Avete l’imbarazzo della scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *