Firenze sotto le stelle

Nella città dei Gigli esistono luoghi panoramici lontani dalle luci artificiali dove poter ammirare la pioggia di stelle cadenti nella notte di San Lorenzo

La notte del 10 agosto è da sempre la serata più magica e più attesa di tutta l’estate, sono molte le persone che si ritrovano nei luoghi più isolati con il naso all’insù per assistere allo spettacolo della pioggia meteorica delle Perseidi.

Firenze è la città romantica per eccellenza e trascorrere li la notte di San Lorenzo è un’esperienza speciale e magica: dall’Impruneta a Trespiano, da Monte Morello a Bellosguardo, il capoluogo toscano è ricco di punti panoramici in cui contemplare lo splendido cielo illuminato dalle stelle. In questa atmosfera sublime sorge il Brunelleschi Hotel che, proprio come le stelle cadenti, con le sue vedute su scorci affascinanti e una cura per i particolari è capace di esaudire tutti i desideri degli ospiti. Per chi volesse trascorrere indimenticabili giorni di agosto a Firenze, l’hotel ha ideato pacchetti speciali che soddisfano le esigenze di tutti.

Facce in su e occhi incuriositi, nella notte di San Lorenzo la tradizione vuole che si guardi il cielo in attesa delle stelle cadenti per esprimere un desiderio. Oggi sappiamo che quelle scie luminose che si vedono nella notte del 10 agosto sono frammenti di una cometa che passa ogni anno in questo periodo dal punto della sua orbita più vicino al sole rilasciando uno sciame di meteoriti chiamato Perseidi, nell’antichità, invece, questo era un fenomeno inspiegabile attorno al quale sono nate numerose storie e leggende: secondo la tradizione cristiana San Lorenzo sarebbe stato un arcidiacono che si distingueva per la sua carità e pietà e sarebbe stato arso vivo, in quanto cristiano, sulla graticola nella notte del 10 agosto. Cosi, le stelle che illuminano quella notte potrebbero essere i carboni ardenti che hanno bruciato il santo oppure proprio le sue lacrime versate al momento del martirio.

Un’altra versione della leggenda sostiene che le stelle cadenti potrebbero essere le lacrime delle anime dei poveri aiutati da San Lorenzo che quella notte brillerebbero nel cielo per ringraziarlo.

La tradizione romana, invece, racconta un’altra storia: secondo gli antichi romani le stelle cadenti erano la manifestazione del dio Priapo che portava abbondanza, fortuna e prosperità alla terra, più erano le stelle che cadevano e più il raccolto dell’anno successivo sarebbe stato abbondante. Sebbene queste storie sono lontane nel tempo e nello spazio, la tradizione di esprimere un desiderio e fortemente radicata in noi. Agosto è il mese delle vacanze per antonomasia, e questa notte cosi fatata si è soliti passarla in riva al mare o in luoghi panoramici ideali per avvistare meglio la pioggia di stelle. Esiste un luogo nella nostra penisola che offre ai turisti diversi punti suggestivi e lontani dalle luci artificiali: Firenze, in questa meravigliosa città d’arte, oltre ad ammirare musei e monumenti tra i più belli d’Italia, è possibile trascorrere giorni di agosto magici e diversi dal solito.

Tra i luoghi più suggestivi da cui ammirare la pioggia di stelle ci sono:

Piana dei Giullari: in prossimità di piazza Michelangelo è una delle colline che guarda Firenze. È un piccolo e suggestivo borgo rimasto inalterato nel tempo che sorge tra le ville più sontuose della città. Questa zona ha una forma ad anello ed è facilmente raggiungibile dalla città. Per la sua posizione dominante e per la verde e rigogliosa natura che lo circonda, è il luogo ideale in cui sdraiarsi per ammirare la pioggia di stelle cadenti.

Bellosguardo: è un promontorio che sorge nel lato sud-ovest di Firenze, è una vera e propria terrazza panoramica sulla città. È un luogo signorile che in passato ha ispirato e ospitato svariati personaggi illustri come: Giuseppe Garibaldi, Ugo Foscolo, Henry James e tanti altri. Bellosguardo è un punto estremamente suggestivo e sconosciuto al turismo di massa, caratteristiche che lo rendono uno dei posti migliori per contemplare il cielo illuminato.

Monte Morello: è l’unico rilievo di una certa importanza nella vallata fiorentina, si trova a nord ovest della città, tra Sesto Fiorentino, Calenzano e Vaglia. Questo monte è un luogo immerso nella natura, ricco di sentieri e piccoli vicoli, rappresenta un luogo estremamente privilegiato per andare a caccia di stelle in quanto sorge a 934 metri sopra il livello del mare. Passare la notte di San Lorenzo in questo insolito luogo è davvero un’esperienza magica, si avrà l’impressione di toccare il cielo stellato.

Trespiano: un piccolo e tranquillo borgo che si trova nella zona collinare al confine con Fiesole. Questo luogo, oltre ad essere un ottimo punto da cui ammirare le stelle, custodisce anche monumenti storici di grande suggestione come la Chiesa di Santa Lucia a Trespiano e la Cappella di Bracco.

Firenze è una città meravigliosa sotto tutti i punti di vista, è romantica, storica, moderna, ricca di storia e di arte, è una di quelle mete che può essere visitata 365 giorni all’anno e trascorrere qui le vacanze estive riserva sempre molte sorprese. Per rimanere avvolti dalla magica atmosfera delle stelle e per raggiungere comodamente i punti panoramici di Firenze è possibile soggiornare al Brunelleschi Hotel, un’elegante e lussuosa dimora storica posizionata nel cuore della città. L’hotel mette a disposizione degli ospiti diverse tipologie di camere e suite capaci di far vivere un sogno ad occhi aperti ai turisti che lo scelgono. Inoltre, per Ferragosto ha creato numerosi pacchetti speciali per godere di momenti indimenticabili in uno degli alberghi più belli di tutta la Toscana.

Brunelleschi Hotel

L’ingresso del Brunelleschi Hotel si affaccia su una accogliente piazzetta del centro storico fiorentino, a pochi passi dal Duomo, da Palazzo della Signoria e dalla Galleria degli Uffizi: l’albergo è attorniato dalle vie dello shopping e dai musei più famosi della città. Il Brunelleschi Hotel ingloba nella facciata una torre semi circolare bizantina del VI secolo e una chiesa medievale, interamente ristrutturate nel rispetto delle caratteristiche originali. All’interno, un museo privato conserva reperti rinvenuti durante il restauro della Torre e un calidarium di origine romana, oggi incastonato nelle fondamenta. Il Brunelleschi Hotel fa parte degli Esercizi Storici Fiorentini. L’albergo è stato rinnovato in uno stile classico contemporaneo estremamente elegante, dove predominano i colori chiari e il grigio della tipica pietra serena.

Il Santa Elisabetta è il ristorante gourmet dell’hotel, uno degli indirizzi gastronomici più interessanti su Firenze. È stato insignito dalla Guida Michelin dal 2021 della seconda stella; ha ricevuto due forchette nella Guida dei Ristoranti d’Italia 2022 di Gambero Rosso e un cappello nella Guida gourmet de L’Espresso 2020. Situato in una sala intima con solo 7 tavoli al primo piano della torre bizantina facente parte dell’hotel, alla location invidiabile aggiunge un’atmosfera ricercata e una cucina raffinata. E’ aperto dal martedì al sabato a pranzo dalle 12.30 alle 14.30 e a cena dalle 19.30 alle 22.30. Dal 2017 la proposta gastronomica dell’albergo è firmata dallo Chef Rocco De Santis.

La più informale Osteria Pagliazza, è situata al pianterreno dell’hotel e durante la bella stagione ha anche tavoli all’aperto sulla suggestiva piazzetta antistante l’albergo; propone un menu sfizioso di piatti dichiaratamente a base di ingredienti del territorio. Affianco all’Osteria si trova il Tower Bar, che propone cocktail inediti e personalizzati degustabili anche nel ristorante gourmet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *